Successione dei beni immobili: cose da sapere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

In che cosa consiste la successione dei beni immobili? Come viene regolata dalla normativa italiana? Scopriamolo insieme.

Eredità dei beni immobili: in che cosa consiste?

La successione è quella procedura che consente il trasferimento del patrimonio di un defunto agli eredi. 

L’ordinamento italiano definisce l’asse ereditario come il complesso di beni, diritti e obbligazioni di proprietà della persona defunta; in questo articolo ci occuperemo della successione dei beni immobili (Libro delle successioni c.c)

Come molti sanno l’eredità dei beni immobili comporta una serie di specifiche procedure fiscali a cui l’erede deve adempiere per poter essere destinatario della successione.

Normative sull’eredità: cosa prevede l’ordinamento italiano?

La normativa italiana prevede, nell’articolo 457 del codice civile, due forme di successione; nella fattispecie, l’eredità può essere aggiudicata in base:

  • Alla legge: i destinatari delle quote possono essere parenti fino al 6 grado, con preferenza al coniuge e ai figli.
  • Al testamento: il documento attraverso cui il defunto gestisce il suo patrimonio dopo la sua morte individuandone i destinatari e le quote.

Quando la destinazione viene stabilita mediante testamento, all’interno di quest’ultimo viene indicata la parte del patrimonio inclusa nel documento; l’eventuale parte restante viene ripartita in forma legittima.

Tra le due forme, quindi, a prevalere è la suddivisione testamentaria. 

successione dei beni immobili

Divisione ereditaria: in che modo si suddividono i beni immobili?

Alla morte del proprietario dell’immobile, il bene viene suddiviso sugli eredi in quote, rendendoli comproprietari dello stesso immobile.

La divisione dell’immobile in comunione ereditaria è l’atto mediante il quale i coeredi, ovvero i comproprietari, pongono fine alla comunione stessa. Tutto ciò può avvenire in due diversi modi: attraverso la sottoscrizione di un contratto oppure per via giudiziaria.

– Divisione ereditaria tramite contratto

La divisione ereditaria tramite contratto prevede un accordo stipulato tra i coeredi attraverso il quale, nel caso in cui l’immobile sia facilmente divisibile in natura, verrà attribuita a ciascun erede una porzione fisica dell’immobile in basa alla quota a loro destinata.

Nel caso in cui, invece, l’immobile non sia divisibile in natura, gli eredi si possono accordare sulla vendita dell’immobile e sulla divisione degli utili oppure attribuire l’intero immobile ad un solo coerede che provvederà a liquidare le quote agli altri.

– Divisione ereditaria per via giudiziaria

Si effettua con richiesta al giudice e si struttura in differenti fasi:

  1. quantificazione precisa del bene
  2. suddivisione delle quote 
  3. assegnazione delle differenti quote ai coeredi 

Il tribunale, in ultima battuta, nel caso in cui il bene fosse indivisibile, provvederà alla vendita e alla suddivisione del ricavato fra gli eredi.

Se desiderate avere maggiori informazioni in merito sulla successione degli immobili, o dovete vendere il vostro immobile, non esitate a contattarci!